“Le memorie di nascita”

Sia il nostri corpo che la nostra mente sono saturi di vicende ed esperienze che molto spesso non percepiamo a livello razonale ma che trovano modalità di espressione nell’ambito dei nostri comortamenti ed ancora di più nel nostro modo di vivere e percepire, noi stessi e gli altri.
Normalmente siamo abituati a prenere in considerazione soltanto quelle esperienze delle quali abbiamo cocienza e conoscenza, quelle cioè che ricordiiamo razionalmente e che ci appaiono facilmente spiegabili o perlomeno accettabili, anche dal punto di vista logico. Questo tipo di esperienze non sono altro che il ripetesi di situazioni che fanno parte della vita di ogni individuo e che sommandosi si moltiplicano in maniera esponenziale contriuendo a creare quelle che sono le nostre modalità percettive e relazionali.
Ma esse non sono altro che la conseguenza di qualcosa che abbiao introiettato, in maniera profonda e toccante. Sono esperienze consequenziali o secondarie,perchè pur essendo fortemente influenti nella vita di ciascuno, dipendono comunque da qualche cosa che va ancora al di la e che si trova in uno strato ancora più profondo e nascosto. Dal momento in cui siamo concepiti, le cellule si formano e si informano e cominciano a mantenere in se tutte le esperienze vissute in una sorta di menoria psico-fisica emozionale. E’ con questa memoria primaria che veniamo al mondo e con la quale cominiciamo a fare esperienza del mondo, in primis del momento della nascita. Il momento del concepimento e il momento della nascita, quindi rappresentano le basi della nostra attitudine all’acquisizione di tipo percettivo, proprio perchè in quel momenti il nostro modo di sentire non è strutturato secondo i canoni della comprensione logico-razionale, che va via via strutturandosi dal momento della nascita in poi,ma unicamente come assimilazione di stimolazini ed onde vibrazionali di tipo emotivo.

Di questo e da questo argomento prende spunto il dott. Gian Marco Carenzi nella conferenza-incontro che si terrà a Milano, zona viale monza,sabato 27 settembre 2008.Richiedi il tuo invito gratuito a info@oceanosintesi.it